fbpx

PER LA MENTE,
CON IL CUORE

Convegno Progetto Itaca

Convegno Progetto Itaca

28/03/2022

Il viaggio verso Itaca: una nuova rotta dopo la pandemia

Il convegno “Il viaggio verso Itaca: una nuova rotta dopo la pandemia” organizzato per i 10 anni della nascita di Progetto Itaca Firenze, è pensato come evento divulgativo allo scopo di porre l’attenzione sugli effetti della pandemia da Covid-19 sulla Salute Mentale, con particolare interesse alla gravità dei comportamenti depressivi e autolesivi che stanno colpendo i giovani.  Gli studenti – dalla scuola primaria ai primi anni dell’università – hanno vissuto un devastante isolamento e sono stati privati delle relazioni quotidiane con i coetanei che normalmente permettono una salutare ed equilibrata crescita. Un preoccupante allarme umano e sociale a cui bisogna dare ascolto per affrontarlo seriamente e concretamente. In questa occasione Progetto Itaca ha riunito i maggiori esperti del settore della Salute Mentale per aiutare i cittadini, adulti e giovani, a comprendere e affrontare le fragilità della propria mente.

Seguiranno alcune riflessioni di esponenti del mondo dell’arte sul ruolo della creatività e delle arti come strumento di benessere mentale, crescita personale e sviluppo del cervello in età giovanile.

PROGRAMMA

Ore 15:30 – Saluti
Francesco Salesia (Presidente Progetto Itaca Firenze), Alessia Bettini (Vicesindaca Comune di Firenze), Eugenio Giani (Presidente Regione Toscana), Paolo Morello Marchese (USL Servizi alla Salute Mentale)


Introduzione e Chairman
Paolo Rossi Prodi (Direttore Servizio per la Salute Mentale, ASL Firenze Centro)

Ore 16:00 – Pandemia e salute mentale
Andrea Fagiolini (Direttore Dipartimento della Salute Mentale, Azienda Ospedaliera Università di Siena)

Ore 16:30 – Disagio giovanile fra DaD e la gabbia dei social
Gustavo Pietropolli Charmet (Istituto Minotauro di Milano)

Ore 17:00 – Progetto Itaca e l’attività di prevenzione e informazione:
“Rompi il silenzio” – Nuovi strumenti di prevenzione per genitori ed insegnanti
Cristina Migliorero (Volontaria Fondazione Progetto Itaca)
Progetto Scuola – Attività di informazione e prevenzione nelle scuole

Sara Piccolo (Volontaria Progetto Itaca Firenze)

Ore 17:30 – Pausa

Ore 17:45 – La manutenzione della mente
Stefano Calamandrei (Psichiatra e psicoanalista)

A seguire – Riflessioni sul tema “le creatività e le arti come manutenzione della mente”

Moderatori: Stefano Calamandrei
                       Valeria Angeli
(Volontaria Progetto Itaca Firenze)

Partecipanti:

  • James Bradburne (Direttore Genarale Pinacoteca di Brera e Biblioteca Nazionale Braidense)
  • Nicoletta Romanoff (attrice)
  • Ache77 (stencil artist)
  • Lorenzo Baglioni (cantautore, attore e già insegnante di matematica nei licei)

Ore 18:45 – Conclusioni
Sara Funaro (Assessora Educazione e Welfare del Comune di Firenze)
Francesco Salesia (Presidente Progetto Itaca Firenze)

Relatori

Paolo Rossi Prodi      
Laurea in medicina 1981. Specializzazione in psichiatria 1986. Direttore unità funzionale salute mentale adulti città di Firenze dal 2015 ad oggi e dal marzo 2001 ad aprile 2009. Responsabile gruppo aziendale autismo asf dal 2009 al 2015. Responsabile strutture residenziali aziendali asf dal marzo 2003 al 2005. Responsabile u.f.ser.t. Mugello az.usl. Firenze dal 1992 al 2001. Psichiatra responsabile della custodia attenuata di Firenze dal 1989 al 1993. Medico psichiatra dedicato all’emergenza presso la casa circondariale di Sollicciano dal 1983 al 1993. Dal 2004 docente presso la scuola di specializzazione in psichiatria università degli studi di Firenze. Docente corso di laurea in medicina e specializzazione in psichiatria per la cattedra di igiene mentale e psichiatria sociale di Firenze dal 1988/1990. Docenze varie in corsi ad operatori psichiatrici az.usl Firenze. Corso regionale per l’autismo 2010. Corso nazionale “Train the trainer” rivolto a dirigenti psichiatrici. Numerose pubblicazioni in qualità di autore e coautore.

Andrea Fagiolini       
Ha trascorso più di 10 anni all’Università di Pittsburgh Medical School (USA), come professore associato di psichiatria e direttore medico del Centro per il disturbo bipolare e del Programma di prevenzione della depressione e della depressione maniacale. Ha ricevuto la cittadinanza degli Stati Uniti per meriti scientifici.  Attualmente è professore ordinario di Psichiatria alla Scuola di Medicina dell’Università di Siena, dove è direttore medico e della Scuola di specializzazione di Psichiatria nel Dipartimento di Medicina Molecolare. È anche presidente del Dipartimento di Salute Mentale (DAI) del Centro Medico Universitario di Siena (AOUS). È stato investigatore principale o co-investigatore in diversi studi di ricerca finanziati a livello internazionale (principalmente studi di fase 3). I suoi interessi di ricerca e le sue pubblicazioni si sono concentrati principalmente sul trattamento dei disturbi dell’umore e dell’ansia, sulla suicidalità, sulla funzionale e la qualità della vita nei pazienti con malattie mentali. È autore di oltre 400 articoli e capitoli di libri e membro dell’Editorial Board di diverse riviste internazionali peer reviewed.

Gustavo Pietropolli Charmet
Psichiatra e psicoterapeuta dell’adolescenza, già docente di Psicologia Dinamica presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca e primario dei servizi psichiatrici di Milano.

È socio fondatore dell’Istituto Minotauro di Milano, responsabile scientifico del Consultorio Gratuito per adolescenti e genitori della Cooperativa Sociale Minotauro ed è docente della Scuola di Specializzazione in

Psicoterapia dell’Adolescente e del giovane adulto Minotauro. È responsabile clinico del Progetto TEEN Comunità Residenziali dell’Associazione CAF Onlus di Milano. Autore di numerose pubblicazioni scientifiche, saggi e monografie sull’adolescenza.

Stefano Calamandrei
Psichiatra, coordinatore di strutture di riabilitazione per giovani psicotici. Psicoanalista e membro ordinario di SPI – Società Psicanalitica Italiana. Esperto di terapie di gruppo, di adolescenti e di patologie gravi, è autore di numerose pubblicazioni ed interventi su psicanalisi e arte e sul disagio giovanile e la sua prevenzione.

James Bradburne     
Direttore della Pinacoteca di Brera di Milano, fra i maggiori esperti internazionali in didattica e inclusione museale, viste come possibilità d’incrementare la partecipazione attiva dei visitatori. Grazie alle sue numerose esperienze internazionali (Canada, Gran Bretagna, Francia, Olanda, Germania e Italia per la Fondazione Palazzo Strozzi) ha sperimentato alcune novità educative che hanno ampliato gli orizzonti museali, attraverso un forte accento sul tema dell’aggregazione e della condivisione, permettendo così che la Pinacoteca di Brera diventasse “un luogo di apprendimento informale”.

Nicoletta Romanoff
Attrice italiana e mamma di 4 figli. Raggiunge la popolarità sul grande schermo nel 2003 con «Ricordati di Me» di Gabriele Muccino, film per il quale riceverà il premio Guglielmo Biraghi al Taormina Film Fest e la candidatura ai David di Donatello come miglior attrice non protagonista. Tra gli altri film «Cardiofitness» di Fabio Tagliavia, «Dalla Vita in Poi» di Gianfrancesco Lazotti, «Posti in piedi in Paradiso» di Carlo Verdone e «La Casa di Famiglia», di Augusto Fornari. Nel 2019 prende parte alla serie Made in Italy in onda su Amazon Prime e Mediaset con la regia di Luca Lucini e Ago Panini. Nel 2020 torna a lavorare con Gabriele Muccino nel film «Gli anni più belli» in cui interpreta il ruolo di Margherita e partecipa con Michele Placido al cortometraggio contro il cyberbullismo «La stanza» diretto da Giuseppe Alessio Nuzzo. Nel 2021 ha doppiato la voce narrante di Kate Winslet per la versione italiana del film Disney “Black Beauty”. A fine settembre 2021, è uscita la quarta stagione della serie «Illuminate» il docu-film su Marta Marzotto, in seconda serata su Rai 3, in cui Nicoletta racconta la vita della stilista attraverso interviste e incontri con testimoni delle vicende e, sempre a settembre, è stata la protagonista femminile di uno dei nuovi episodio dell’ispettore Coliandro su Rai 2. È Molto attiva nel sociale ha collaborato, tra i tanti progetti, anche con Unicef, AIED, Progetto HEAL e Scholus Italia.

Ache77
Ache è il suo diminutivo, 77 il numero che lo insegue da tutta la vita. Ache77, classe 1991, è un urban artist fiorentino, originario della Romania. Da sempre sperimenta, provoca, ascolta, cerca il dialogo con l’esterno. Le sue maschere normografiche, quasi rituali, sono forgiate con la tecnica dello stencil e ri-significate nell’uso del colore e delle variazioni cromatiche, nella scelta della superficie, nello stato d’animo che l’immagine traspone. L’incisione diviene dunque un mantra, una pratica meditativa in movimento, l’inizio di un intimo viaggio che, dallo studio, raggiunge la strada. Ache77 si mette a servizio della comunicazione non verbale per attrarre, smarrire, penetrare lo sguardo dello spettatore, renderlo interprete e rigeneratore dell’immagine stessa. Opera e osservatore sono due oggetti numerici distinti ma identici nel risultato, proprio come l’artista racconta con la formula aritmetica 1+1=1, simbolo di uno dei suoi più celebri lavori e interpretazione intima delle relazioni umane.

Lorenzo Baglioni
Dopo essersi laureato in matematica all’Università degli Studi di Firenze e aver insegnato per alcuni anni nelle scuole superiori, nel 2012 decide di dedicarsi a tempo pieno al mondo del teatro e dello spettacolo. Nel 2015 modifica il testo della celebre canzone di Janancci “Vengo anch’io, no tu no!”, ponendo l’accento sul problema delle barriere architettoniche. La canzone viene pubblicata sul web con lo scopo di diffondere e supportare il messaggio e l’attività dell’associazione onlus “Vorrei Prendere il Treno” dell’amico Iacopo Melio. Il pezzo ottiene quasi 15 milioni di visualizzazioni, quasi un milione di condivisioni solo su Facebook, e viene rilanciata dalle principali radio e Tv nazionali.

Il convegno è patrocinato dalla Regione Toscana, Comune di Firenze e ASL Toscana Centro.

Si ringrazia per la preziosa collaborazione Alessia Bettini vicesindaca, Sara Funaro assessora Educazione e Welfare, del Comune di Firenze e Paolo Rossi Prodi, direttore Servizio per la Salute Mentale Firenze, ASL Toscana centro.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie, nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati e in ottemperanza alle direttive del GDPR (UE) 2016/679. Leggi

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi